New York Fashion Week: A New York sfila la moda fluida

Redazione
Page Visited: 76
Tempo di lettura:1 Minuti, 38 Secondi

La moda da sempre interpreta un cambiamento sociale o un nuovo modo di intendere e vivere la propria libertà. A New York, ma non solo, si vedono sfilare uomini che indossano il corsetto steccato color carne.

Né uomo né donna, senza classificazione, è questa l’ideologia della “moda fluida”. “What is a man” – Cos’è un uomo – è l’affermazione di Official Rebrand che dimostra quanto sia fortemente sentito questo nuovo modo di intendere i codici sociali.

La mascolinità viene messa in discussione e la concezione di sesso assegnato alla nascita viene resa fluida, fino al rifiuto della mentalità patriarcale. In sostanza avviene una dissociazione tra indumenti, abbigliamento e genere sessuale.

Una collezione agender quella di Official Rebrand, che sfila alla fashion week del New York Men’s Day. Dove una serie di modelli non interpretano la conformità di genere.

Lo stilista Mi Leggett si fa portavoce della fluidità di genere, un trend che sempre più irrompe nella società e sulle passerelle. Un pubblico di nicchia ma in crescita, segue con attenzione lo sviluppo di una nuova era.

Un anno fa la NYFW aveva ospitato la prima collezione “no gender”, creata dal designer transessuale Pierre Davis.

La moda questa volta si mostra inclusiva, oltre il lusso, c’è la libertà di agire e di concepire.

Anche il marchio Ka Wa Key presenta la sua collezione agender, ispirata alla storia de “Il piccolo principe” di Antoine de Saint-Exupéry. Le maglie a trama morbida, le stampe infantili e l’uso di materiali sostenibili, sono le caratteristiche di uno stile fluido.

Ka Wa Key è un marchio londinese, disegnato da Key Chow e Jarno Leppanen, due stilisti anglo-finlandesi, che hanno a cuore l’utilizzo dei materiali sostenibili e lavorano nell’ottica di rompere gli schemi e le strutture dell’abbigliamento maschile.

Anche al Pitti di Firenze abbiamo visto sfilare, a Palazzo Corsini, una collezione agender del marchio Telfar, dello stilista Telfar Clemens, che è specializzato proprio nella realizzazione di moda fluida.

Iscrivendoti alla nostra newsletter accetti la Privacy Policy

Next Post

I materiali vegani e crueltyfree nell'industria della moda

Il magazine www.NaturalMania.it, si occupa di stili di vita “green”, design ecologico e moda vegana, con alcune considerazioni sull’utilizzo di materiali cruelty-free nel mondo della moda. La moda è da sempre uno dei settori più aperti e permeabili alle novità e alle ultime tendenze, pertanto, non poteva farsi trovare impreparata […]