Cambia moda: il progetto di Mani Tese

Redazione
Page Visited: 83
Tempo di lettura:2 Minuti, 21 Secondi

Lo sfruttamento eccessivo delle risorse del Pianeta

Il mondo sta cambiando a grande velocità, anche (e soprattutto) a causa dell’azione umana. L’iper sfruttamento delle risorse terrestri sta portando il Pianeta al collasso, con conseguenze che, sia nel breve che nel lungo periodo, potrebbero avere un impatto devastante sulle nostre vite.

Il discorso è valido anche per il settore della moda. Oggi, infatti, il fenomeno del cosiddetto “fast fashion” porta le case di moda a presentare collezioni e nuovi capi anno dopo anno, seguendo i dettami del consumismo scellerato.

Tuttavia, un simile comportamento porta l’uomo a danneggiare l’ambiente in modo non indifferente. E non solo. L’impatto del fast fashion ha effetti negativi anche in ambito sociale, tenendo conto del fatto che nella filiera tessile opera circa il 15% del totale dei casi di lavoro forzato nel mondo.

Numeri impressionanti, che riguardano situazioni di precariato, di scarse condizioni igieniche, di tutele sanitarie inesistenti e, in molti casi, di sfruttamento minorile.

Per apportare un cambiamento consistente, il progetto “Cambia Moda” di Mani Tese ha il fine di promuovere iniziative ambientali che rispettino l’ecosistema della Terra, optando per comportamenti più responsabili e sensibilizzando il prossimo sull’importanza delle tematiche riguardanti la salute del Pianeta.

Progetto “Cambia Moda”: le finalità

Fine ultimo di Cambia Moda, dunque, è far leva sull’importanza di adottare comportamenti responsabili. Dalla salute del Pianeta, infatti, dipende la salute di tutti noi: siamo figli della Terra, e come tali dobbiamo agire con rispetto tutelando l’ambiente.

Il progetto di Mani Tese è stato realizzato grazie al sostegno dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo. Inoltre, è stata indispensabile la collaborazione con partner quali Guardavanti, Altis, Istituto Oikos, Faircoop, Lottozero e Koinètica.

Ciò che preme maggiormente agli addetti al progetto è far sì che i consumatori inizino ad adottare comportamenti realmente più coscienziosi. Sul piano pratico, si tratta di consumare in modo etico ed evitando, se possibile, di alimentare il fast fashion, una piaga che contribuisce a danneggiare il Pianeta.

Adottare un cambiamento è possibile

Il progetto Cambia Moda verrà portato avanti attraverso workshop in università, percorsi scolastici negli istituti professionali, eventi nelle città e campagne promozionali di vario genere, stimolando il pubblico attraverso analisi approfondite del settore tessile contemporaneo.

Attraverso il dialogo con esperti del settore, il pubblico potrà apprendere
fatti e questioni che troppo spesso passano in secondo piano, facendo venir
meno l’importanza della Terra e la sua (necessaria) salvaguardia.

La parola, dunque, sarà il mezzo con cui i mediatori del progetto istruiranno i neofiti in merito alle tematiche ambientali, a partire dallo sfruttamento eccessivo delle risorse nell’industria tessile.

I cambiamenti, però, vanno apportati il prima possibile. Le risorse naturali sono costantemente oggetto di iper sfruttamento, e l’inquinamento prodotto dalle risorse non rinnovabili non fa che danneggiare ulteriormente un Pianeta al collasso. È giunto il momento di agire con più consapevolezza!

Iscrivendoti alla nostra newsletter accetti la Privacy Policy

Next Post

Istituti e corsi di moda. Il percorso per diventare stilista

Come lavorare nella moda: dai corsi alle occupazioni disponibili Lavorare nel mondo della moda è un po’ il sogno di chi ama il dettaglio, di chi adora vestirsi all’ultimo grido e di chi segue costantemente le tendenze più innovative del settore. Tuttavia, in pochi sono a conoscenza del fatto che […]
Istituti e corsi di moda. Il percorso per diventare stilista